mercoledì 19 settembre 2012

Suonare le canzoni di Nick Drake

Avevo già scritto una volta che non è difficile "fare" Nick Drake: gli ingredienti necessari per suonare come lui non sono per nulla complessi.[1]
E infatti ci hanno provato in tanti: non so quante volte ho letto l'etichetta "il nuovo Nick Drake" in una recensione.
Tutte le volte ci casco, provo ad ascoltare pensando "hai visto mai"...
E tutte le volte vengo regolarmente deluso: come Nick Drake non c'è ancora stato nessuno.

Quindi, lasciamo perdere i vari nuovi Nick Drake, e limitiamoci a qualcosa di più semplice: suonare le sue canzoni.

Le accordature non-standard sono fondamentali per suonare "come Nick Drake"
E, naturalmente, per suonare le canzoni di Nick Drake.[2]

Diversi suoi pezzi diventano davvero difficili se suonati con accordatura standard, mentre con la giusta accordatura sono tecnicamente banali.

Intendiamoci: tecnicamente banali vuol dire semplici da suonare, stiamo parlando di sola tecnica esecutiva e non, assolutamente, di giudizio "artistico" sui pezzi in sè.
Alcuni passaggi di accordi, alcune risonanze di corde libere suonano "giusti" solo con l'accordatura usata da Nick, e in standard tuning suonano molto meno affascinanti e naturali.

Una fonte ottima per trovare guitar tabs di Nick, guarda un po', è il sito "Nick Drake Tabs".

Quasi tutti i pezzi di Nick Drake possono essere suonati, con la giusta accordatura, con non più di un paio di dita della mano sinistra, mentre in accordatura standard richiedono non poco equilibrisimo tecnico. [3]

Due esempi perfetti: Place to Be e Pink Moon.
Se non sapete leggere un guitar tab, tutti gli zero significano corda suonata a vuoto, senza premere nessun tasto sul manico della chitarra: dovrebbe risultare per tutti immediata la "facilità" tecnica di queste due canzoni.

Pink Moon
(Tuning: CGCFCE capo 2nd fret)

"Riff"

|-----0----------|
|-----0----0-----|
|--02-2----0-0-0-|
|--0--0----2-0-0-|
|--0--0----0-2-0-|
|--0--0----0-0-2-|

"Chord"

|-----0----|
|-----0-0--|
|--02-2-2--|
|--0--0-0--|
|--0--0-0--|
|--0--0-0--|

"Verse"

|--7--7----7--7--7-5--5----5--5--5-|
|--7--9----7--9--7-5--7----5--7--5-|
|--9--7----9--7--9-7--5----7--5--7-|
|--7--7----7--7--7-5--5----5--5--5-|
|--7--7----7--7--7-5--5----5--5--5-|
|--7--7----7--7--7-5--5----5--5--5-|


Place to Be
(Tuning: DADGAF# capo 3rd fret or CGCFGE capo 1st fret)

"Verse 1"

|0--0--0--0--0
|0--0--0--0--0
|0--02-0--02-0
|02-0--04-0--04
|02-0--0--0--0
|02-0--0--0--0


"Verse 2"

|0--0--0--0--0--0
|0--0--0--0--0--0
|02-4--2--4--0--0
|4--4--4--4--2--2
|4--4--4--4--2--2
|4--4--4--4--2--02


Uno dei miei pezzi preferiti di Nick Drake è "Northern Sky".
Accordatura non standard ed esecuzione piuttosto semplice anche qui:

(Tuning: BEBEBE capo 4th fret)

"Main riff/verse"

|---0--|
|4--0--|
|2--0--|
|0--4--|
|2-----|
|0--2--|

"Chorus"

|2-----0--|
|2-----0--|
|2--5--0--|
|2--5--0--|
|2--5--0--|
|---5-----|

Ho però trovato sul web anche una tab in standard tuning non troppo complessa, qui sotto:

(Tuning: standard capo 1st Fret)

Accordi:

D 000232
Em7 022030
Asus4 002230
A 002220
C 032010
G 320003
G6 022033

Per chi non volesse dover riaccordare la chitarra per suonare un solo pezzo questa è una buona alternativa, ci sono alcuni accordi che suonano particolarmente bene e non sono troppo comuni (Em7, Asus4, G6) ma sono piuttosto facili da suonare.

Per suonare le canzoni di Nick Drake rimane necessaria una buona tecnica di finger-picking, e questa si può acquisire solo con l'esercizio.
Il modo di suonare (tempi, figure ritmiche) è piuttosto particolare, ma ci si può arrivare tranquillamente tramite l'ascolto dei dischi.


Note e links:
[1] Una tecnica che usava moltissimo era anche il cantato che non seguiva il "giro" della chitarra, iniziando spesso a metà tra due accordi del giro, creando un effetto spiazzante.

[2] Certo, sembra che questo gli avesse creato più di un problema nelle esecuzioni live: suonando con una sola chitarra gli era necessario riaccordarla tra un pezzo e l'altro, e dal vivo è una vera mazzata sulle palle del pubblico.
Non per niente i Sonic Youth viaggiavano con una ventina di chitarre, pronte per i diversi pezzi nelle varie accordature non standard.

[3] Del quale, avete indovinato, nulla mi frega, e quindi ben vengano le accordature non standard.
Sarebbe interessante sapere dai fanatici della tecnica strumentale se l'accordatura alternativa è vista un po' come un tradimento della purezza tecnica: ovvero, se posso suonare gli stesse linee/accordi facendo meno fatica, forse diventano meno belli perchè sto usando un "trucco"?

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao mi chiamo Luigi, seguo da un pò il tuo blog e lo trovo molto interessante e divertente. Molto bello questo tuo post, anche io mi sono cimentato nell'esecuzione di alcuni brani di Nick Drake, e mi ci è voluto in pò di tempo per impararne alcune, quante corde spezzate!! Ma ne vale la pena!. Un buon esercizio con accordatura standard è "day is done", l'ho imparata grazie a un tutorial su youtube, ti lascio il link se può interessarti, un saluto e buona musica! Ecco il link: http://www.youtube.com/watch?v=eFRUbFjC5HQ

allelimo ha detto...

Ciao Luigi, benvenuto e grazie per il link.
Non mi ero mai accorto che su Youtube ci fossero così tanti video sul tema "how to play" le canzoni di Nick Drake!

Anonimo ha detto...

Grazie a te! Si ce ne sono davvero tanti di video, ed alcuni veramente molto molto bravi.Ti consiglio "road" che è quasi in accordatutra standard, in pratica unicamente il sol va accordato in mi. C'è la parte centrale che per me è stata davvero impegnativa, ma un ottimo esercizio. Nick Drake era davvero unico. Buona serata:
http://www.youtube.com/watch?v=mrje1P9k_qY

ps. Ti lascio un video di un ragazzo che per me è forse il migliore che ho ascoltato, non è un tutorial ma è un piacere ascoltarlo:

http://www.youtube.com/watch?v=TZa_52YiCYQ

Evil Monkeys ha detto...

non è difficile "fare" Nick Drake" ...hai ragione; "esserlo" in maniera più profonda sarebbe un'altra cosa. Ma forse non la augurerei ad un giovane cantautore; nelle "Biciclette Bianche" libro di Joe Boyd ci sono bei ricordi di Nick, però mi mettono una tristezza addosso...

Bello che linee di chitarra così essenziali possano produrre emozioni tanto profonde!
Grazie x il post!

Joyello ha detto...

Ho sempre avuto un grande rispetto per Nick Drake ma, non so come dire, non mi appartiene, non mi interessa, non mi... piace.
Simona Ventura direbbe "Non mi arriva". Un po' mi dispiace perché sentendo parlare di lui, in generale, si sentono paroloni esagerati, grandi lodi e a volte poesia quasi stucchevole ed io, che non sono proprio un ignorante, che di musica ne ascolto e ne ho ascoltata tanta, di fronte ai suoi dischi rimango lì... con lo sguardo interrogativo.
Se lo dichiaro, in genere, mi si guarda come un pazzo o, peggio, come uno che "non capisce"...
Boh.

allelimo ha detto...

Joyello, Nick Drake è nei miei primi dieci, e da lì non si muove da decenni.
Che tu di musica ne capisca non ci piove, che Nick Drake sia uno dei grandi direi anche... ma se non "vi pigliate" che ci vuoi fare?
Io non ti guardo come un pazzo per questo (i vantaggi del web) però accidenti, ma nemmeno "Pink Moon"?
Davvero?
Ma siamo proprio sicuri che tu di musica...?
:)

Joyello ha detto...

Davvero, nemmeno PINK MOON, che ovviamente ho perché negli anni 80 era obbligatorio il passo indietro verso Nick Drake e Tim Buckley.
Forse, mah... ma sì, forse non capisco un cazzo. Me ne farò una ragione. :-)

allelimo ha detto...

Boh, no.
Anch'io non riesco proprio a farmi piacere artisti che sono ritenuti imprescindibili.
E non sto parlando di Springsteen (troppo facile), ma di Radiohead, Calexico, Cat Power, cioè roba fighetto-alternativa-snob.
E quindi non capisco un cazzo nemmeno io.
Oppure più semplicemente alcune cose ci piacciono e altre no, e non è obbligatorio conoscere e apprezzare proprio tutti e tutto?